Logo di Tor Vergata
Concorsi
Home
Dove siamo

Comunicazioni
   del Rettore

Modulistica
Normativa
Link
Gazzetta Ufficiale
Valutazioni MIUR
Docenti Atenei
M.I.U.R.
Cineca

PROCEDURA DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL’ART. 1 COMMA 12, DELLA LEGGE N. 230/2005, PRESSO IL DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE DELL’UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "TOR VERGATA".D.R. n. 1048 del 09/04/2015 riferimento 1167 avviso pubblicato sulla G.U. n. 33 del 28/04/2015

Scadenza 28/05/2015


 

 

 

 

 

D.R. n. 1048 del 09/04/2015 riferimento 1167
avviso pubblicato sulla G.U. n. 33 del 28/04/2015
scadenza 28/05/2015

 

PROCEDURA DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL’ART. 1 COMMA 12, DELLA LEGGE N. 230/2005, PRESSO IL DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE DELL’UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "TOR VERGATA".

 

IL RETTORE

Vista la legge 9 maggio 1989, n. 168 recante norme sull’autonomia universitaria;
Vista la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni ed integrazioni, recante norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi,
Vista la legge 10 aprile 1991, n. 125 relativa alle pari opportunità tra uomo e donna nel lavoro;
Vista la legge 5 febbraio1992, n. 104, relativa all’assistenza, integrazione sociale e diritti dei portatori di handicap;
Visto il D.P.R. 9 maggio 1994, n. 487, così come modificato dal D.P.R. 30.10.1996, n. 693 recante norme sull’accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni;
Visto il D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 e successive modificazioni – Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa;
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni recante norme sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche;
Visto il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e successive modificazioni ed integrazioni, in materia di protezione dei dati personali;
Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240 recante disposizioni in materia di organizzazione delle università, di personale accademico e reclutamento nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l’efficienza del sistema universitario;
Vista la legge del 4 novembre 2005, n. 230 e successive modificazioni ed integrazioni ed in particolare il comma 12 dell’art. 1;
Visto il D.M. del 29 luglio 2011, n. 336, recante la determinazione dei settori concorsuali, raggruppati in macrosettori concorsuali, di cui all’art. 15 della legge n. 240/2010;
Visto lo Statuto dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” pubblicato sulla G.U. n. 296 del 21 dicembre 2011 e sulla G.U. n. 91 del 18 aprile 2014;
Visto il D.M. del 12 giugno 2012, n. 159, recante la rideterminazione dei settori concorsuali;
Visto il Regolamento recante la disciplina per l’istituzione e la copertura di posti di professore straordinario a tempo determinato emanato con D.R. n. 1478 del 9 maggio 2008 e s.m.i.
Vista la delibera del Consiglio di Dipartimento di Ingegneria Industriale del 13/11/2014;
Vista la delibera del Senato Accademico del 16 dicembre 2014;
Vista la delibera del Consiglio di Amministrazione del 18 dicembre 2014;
Considerato che a seguito di apposita convenzione la spesa relativa al posto graverà su finanziamento esterno.

D E C R E T A

Art. 1
Oggetto del bando

E’ indetta una procedura di selezione per titoli per il conferimento di un incarico di professore straordinario con rapporto di lavoro a tempo determinato ai sensi dell’art. 1, comma 12 della Legge n. 230/2005, per il progetto di ricerca: “Ricerca nell’energia da fusione” della durata di tre anni eventualmente rinnovabili fino ad un massimo complessivo di sei anni sulla base di una nuova convenzione per il settore concorsuale 02/B3 e scientifico-disciplinare FIS/07 presso il dipartimento di Ingegneria Industriale.

Art. 2
Requisiti per l’ammissione


Possono partecipare alla procedura di selezione i soggetti in possesso di elevata, notoria qualificazione scientifica e professionale attinente al progetto di ricerca oggetto della presente selezione.
Sono inoltre richiesti, pena l’esclusione, i seguenti requisiti:
1) Non essere stato destituito o dispensato dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, e di non essere stati dichiarati decaduti da un impiego statale, ai sensi dell’art. 127, lettera d) del testo unico delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3.
2) Godere dei diritti civili e politici.
3) Non aver riportato condanne penali o altre misure che escludano dall’assunzione in servizio o siano causa di destituzione da impieghi presso Pubbliche Amministrazioni;
4) Non essere stato escluso dall’elettorato politico attivo;
5) Adeguata conoscenza della lingua italiana (tale requisito è richiesto ai soli cittadini stranieri).
I requisiti prescritti indicati nel bando devono essere posseduti alla data di scadenza del termine utile per la presentazione delle domande di ammissione alla procedura.
Non possono partecipare al procedimento per la chiamata coloro i quali, al momento della presentazione della domanda, abbiano un rapporto di coniugio ovvero un grado di parentela o affinità entro il quarto grado compreso con un professore appartenente al Dipartimento che richiede la attivazione del posto o alla struttura che effettua la chiamata, con il Rettore, con il Direttore generale o con un componente del Consiglio di Amministrazione dell’Università.
L’Ateneo garantisce parità e pari opportunità tra uomini e donne per l'accesso al lavoro e per il trattamento sul lavoro.

Art. 3
Criteri di valutazione

a) pubblicazioni
E’ richiesto un numero massimo di pubblicazioni da presentare pari a 10 (dieci) su riviste internazionali indicizzate.
Nel valutare le pubblicazioni scientifiche la commissione giudicatrice privilegia:
- Originalità, innovatività e importanza di ciascuna pubblicazione scientifica;
- Congruenza di ciascuna pubblicazione con il settore concorsuale e settore scientifico disciplinare per il quale è bandita la procedura e in particolare con lo studio della dinamica delle instabilita' dei plasmi e del loro impatto sul trasporto dell'energia negli esperimenti di fusione termonucleare controllata a confinamento magnetico;
- Rilevanza scientifica della collocazione editoriale di ciascuna pubblicazione e sua diffusione all’interno della comunità scientifica di settore;
- Determinazione analitica, anche sulla base di criteri riconosciuti nella comunità scientifica di riferimento, dell’apporto individuale del candidato nel caso di partecipazione del medesimo a lavori in collaborazione.
Nell’ambito dei settori scientifico-disciplinari in cui ne è riconosciuto l’uso a livello internazionale, nel valutare le pubblicazioni si avvale anche dei seguenti indici:
• Numero totale delle citazioni
• Numero medio di citazioni per pubblicazione
• Impact factor totale
• Impact factor medio per pubblicazione
• Combinazioni dei precedenti paragrafi atte a valorizzare l’impatto della produzione scientifica del candidato (indice di Hirsch o simili).

b) Titoli
- titolo di Dottore di Ricerca
- la fruizione di borse di studio finalizzate ad attività di ricerca
- i servizi prestati negli Atenei e negli Enti di ricerca italiani e stranieri
- l’attività di ricerca, comunque svolta, presso soggetti pubblici e privati italiani e stranieri
- l’organizzazione, direzione e coordinamento di gruppi di ricerca
- l’attività didattica svolta, anche all’estero
- il coordinamento d’iniziative in campo didattico scientifico svolte in ambito nazionale ed internazionale
- l’espletamento di insegnamenti universitari mediante contratto stipulato ai sensi delle disposizioni vigenti alla data di entrata in vigore della legge 230/205
- le attività svolte in qualità di assegnista e contrattisti ai sensi dell’art. 51, comma 6, della legge 27 dicembre 1997.n. 449.

Art. 4
Domande di ammissione - Termini e modalità

A) DOMANDA DI AMMISSIONE
Per partecipare alla procedura di selezione, il candidato redige la domanda secondo lo schema pubblicato unitamente al bando nel sito http://concorsi.uniroma2.it ed allegato al presente decreto (allegato A). L’avviso di indizione verrà pubblicizzato sulla G.U. della Repubblica Italiana.
Il candidato dovrà presentare la domanda unitamente agli allegati indicati nel presente articolo alle lettere a), b), c), d), e), entro il termine perentorio, a pena di esclusione, di trenta giorni, a decorrere dal giorno successivo a quello della pubblicazione dell’avviso del presente bando sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, utilizzando una tra le seguenti modalità:

- consegnata a mano a questa Università (Ufficio protocollo - sesto piano - nei giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 13) – via Orazio Raimondo 18 – Roma;

- inviata al Rettore di questo Ateneo, a mezzo di raccomandata con avviso di ricevimento, via Orazio Raimondo n. 18 – 00173 Roma, entro il predetto termine perentorio. Ai fini dell’accertamento di tale termine fa fede il timbro a data dell'Ufficio postale accettante.

- inoltrata a mezzo posta elettronica certificata (PEC), inviando, in formato PDF, dal proprio indirizzo di PEC personale, all’indirizzo direzione.amministrativa@pec.uniroma2.it la domanda di partecipazione e i relativi allegati (citare nell’oggetto: “PEC domanda procedura comparativa professore di I fascia” e indicare il settore concorsuale). Non sarà ritenuta valida la domanda inviata da un indirizzo di posta elettronica non certificata. Si precisa che la validità della trasmissione del messaggio di posta elettronica certificata è attestata rispettivamente dalla ricevuta di accettazione e dalla ricevuta di avvenuta consegna fornite dal gestore di posta elettronica, ai sensi della normativa vigente.

Non si terrà conto delle domande consegnate o spedite o inoltrate successivamente al termine stabilito dal presente articolo.
Nella domanda dovrà essere indicato il domicilio o la residenza l’indirizzo e-mail che il candidato elegge ai fini della procedura. Dovrà essere altresì indicato un recapito telefonico. Ogni eventuale variazione dovrà essere comunicata alla Divisione I Settore I – Concorsi di questo Ateneo.
In caso di consegna a mano o di spedizione con raccomandata A.R., sulla busta contenente la domanda e i relativi allegati devono essere riportati in stampatello i seguenti dati:
- cognome, nome e indirizzo del candidato;
- domanda procedura di selezione per la copertura di un posto di professore straordinario a tempo determinato
- settore concorsuale;
- settore scientifico disciplinare;
- Dipartimento;

L'Amministrazione non assume alcuna responsabilità per la dispersione di comunicazioni da essa inviate dipendente da inesatta indicazione dei suddetti recapiti da parte del candidato o da mancata oppure tardiva comunicazione del cambiamento degli stessi indicati nella domanda, né per eventuali disguidi postali, telegrafici non imputabili a colpa dell'Amministrazione stessa, o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore, né nel caso che i file trasmessi tramite PEC non siano leggibili.
I candidati riconosciuti portatori di handicap ai sensi della legge n. 104 del 5 febbraio 1992, dovranno fare esplicita richiesta, nella domanda di partecipazione alla procedura comparativa, in relazione al proprio handicap, riguardo l'ausilio necessario, nonché l'eventuale necessità di tempi aggiuntivi per l'espletamento delle prove, ai sensi della legge suddetta. In tal caso dovranno allegare apposito certificato rilasciato dalla competente struttura sanitaria pubblica.
I candidati che intendono rinunciare alla partecipazione alla procedura per la quale hanno prodotto domanda di ammissione potranno inviare al Rettore di questo Ateneo, Via Orazio Raimondo n. 18 – 00173 Roma, mediante raccomandata con avviso di ricevimento ovvero via fax al n. 0672592611 la dichiarazione di rinuncia corredata di fotocopia del documento di identità.
Ai sensi dell'art. 3, punto 5, della legge 15 maggio 1997, n. 127, non è richiesta l'autenticazione della sottoscrizione della domanda.
Gli aspiranti dovranno allegare alla domanda:
a) curriculum dell’attività scientifico-professionale, datato e firmato in ogni pagina;
b) elenco delle pubblicazioni, datato e firmato in ogni pagina, che il candidato intende produrre nel numero massimo di cui all’art. 3 del presente bando che saranno presentate con le modalità di cui al successivo punto B);
c) elenco dei titoli che si ritengono utili ai fini della procedura di selezione, datato e firmato in ciascuna pagina, che saranno presentati con le medesime modalità di cui al successivo punto B);
d) copia del documento di identità;
e) copia del codice fiscale

Nella domanda l'interessato dovrà dichiarare sotto la propria responsabilità:
1) cognome e nome (le donne coniugate devono indicare il cognome da nubile);
2) luogo e data di nascita;
3) codice di identificazione personale ( codice fiscale);
4) cittadinanza posseduta;
5) possesso di uno dei requisiti di cui all’art. 2;
6) non essere stato escluso dall’elettorato politico attivo;
7) comune nelle cui liste elettorali è iscritto, ovvero i motivi della mancata iscrizione o della cancellazione dalle liste elettorali medesime. I cittadini stranieri devono dichiarare di godere dei diritti civili e politici anche negli Stati di appartenenza o di provenienza ovvero i motivi di mancato godimento
8) essere immune da condanne penali o le eventuali condanne penali riportate (anche se sia stata concessa amnistia, condono, indulto, perdono giudiziale o sentenza di patteggiamento) e i procedimenti penali in corso o pendenti eventualmente a proprio carico;
9) servizi prestati presso Pubbliche Amministrazioni e le cause di risoluzione di precedenti rapporti di impiego pubblico (tale dichiarazione deve essere resa anche se negativa);
10) non essere stati destituiti o dispensati dall'impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, e di non essere stati dichiarati decaduti da un impiego statale ai sensi dell'art. 127, primo comma, lettera d) del testo unico delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato, approvato con decreto del Presidente della repubblica 10 gennaio 1957, n. 3;
11) avere adeguata conoscenza della lingua italiana (tale dichiarazione dovrà essere resa solo dai cittadini stranieri);
12) di non avere un rapporto di coniugio ovvero un grado di parentela o di affinità fino al quarto grado compreso con un professore appartenente al Dipartimento che richiede la attivazione del posto o alla struttura che effettua la chiamata, con il Rettore, con il Direttore generale o con un componente del Consiglio di Amministrazione dell’Università;

B) TITOLI VALUTABILI E PUBBLICAZIONI
Le pubblicazioni, i documenti e i titoli posseduti e ritenuti utili al fini della procedura di selezione, unitamente a quanto allegato alla domanda e precisamente, al curriculum vitae, datato e firmato in ogni pagina, all’elenco delle pubblicazioni (nel numero massimo di 10), datato e firmato e all’elenco dei titoli, datato e firmato, vanno inviati, in un apposito plico raccomandato con avviso di ricevimento (separato dalla domanda), al Rettore di questo Ateneo, Via Orazio Raimondo 18 – 00173 Roma o consegnati a mano presso la sede dell’Università (Ufficio protocollo – sesto piano – nei giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00) al predetto indirizzo, entro lo stesso termine perentorio per la presentazione della domanda. Non saranno presi in considerazione i documenti, i titoli e le pubblicazioni consegnati o spediti dopo il termine di cui al precedente comma.
Sul plico in questione deve essere riportati i seguenti dati:
- cognome, nome e indirizzo del candidato;
- pubblicazioni e titoli procedura di selezione per la copertura di un posto di professore straordinario a tempo determinato
- settore concorsuale;
- settore scientifico disciplinare;
- Dipartimento;

Non è consentito il semplice riferimento a titoli, documenti e pubblicazioni presentati a qualsiasi titolo presso questa o altra Amministrazione, ma dovranno essere prodotti con le modalità sotto indicate.
I documenti, i titoli, nonché le pubblicazioni possono essere presentati in originale o in copia autentica dichiarata conforme all’originale. I cittadini italiani e dell’Unione Europea possono produrre i documenti, i titoli e le pubblicazioni avvalendosi delle modalità previste dagli articoli 19, 19-bis, 46 e 47 del D.P.R. 28.12.2000, n. 445 e successive modificazioni ed integrazioni, recante il Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa (v. allegati B, C e D). Ai sensi della normativa vigente la Pubblica Amministrazione non può accettare certificati contenenti informazioni già in possesso della Pubblica Amministrazione italiana, pertanto in tal caso, saranno accettate solo le autocertificazioni.
Ai cittadini non appartenenti ai paesi dell’Unione Europea si applicano le disposizioni contenute nei commi 2, 3 e 4 dell’art. 3 del citato D.P.R. 445 del 2000 e successive modificazioni ed integrazioni.
L’Amministrazione provvederà ad effettuare idonei controlli sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive, ai sensi dell’art. 71 del D.P.R. 28/12/2000 n. 445. Qualora dal controllo dovesse emergere la non veridicità del contenuto della dichiarazione, il dichiarante decade dai benefici conseguiti sulla base della dichiarazione non veritiera, fermo restando quanto previsto dall’art. 76 del suddetto D.P.R. in materia di sanzioni penali.
Per i lavori stampati all'Estero deve risultare la data e il luogo di pubblicazione. Per i lavori stampati in Italia entro 01/09/2006 devono essere adempiuti gli obblighi previsti dall'art. 1 del Decreto Legislativo Luogotenenziale 31 agosto 1945, n. 660. Dalla data del 2 settembre 2006 devono essere adempiuti gli obblighi previsti dalla Legge 15/04/2004, n. 106 e dal D.P.R. 3/05/2006, n. 252. L’assolvimento di tali obblighi deve essere certificato da idonea documentazione, unita al lavoro stesso, oppure i cittadini italiani e i cittadini appartenenti alla Comunità Europea possono produrre l’autodichiarazione ai sensi del D.P.R. 28/12/2000, n. 445 dell’avvenuto assolvimento dell’obbligo.
I titoli e le pubblicazioni debbono essere prodotti nella lingua originale. La commissione ha facoltà di richiedere una traduzione in lingua italiana o inglese. L’Amministrazione, inoltre, si riserva di poter richiedere al candidato, in un qualunque momento, una traduzione ufficiale, che dovrà essere redatta dalla competente rappresentanza diplomatica o consolare, ovvero da un traduttore ufficiale.

Art. 5
Esclusione dalla procedura di selezione

I candidati sono ammessi con riserva alla procedura di selezione.
L'esclusione dalla procedura per difetto dei requisiti può essere disposta in ogni momento con provvedimento motivato del Direttore Generale.

Art. 6
Commissione giudicatrice

La commissione è nominata con decreto rettorale, su proposta del Senato Accademico. Il decreto è pubblicato sul sito web dell'Ateneo.
La commissione è composta da tre professori di ruolo di prima fascia dell’Ateneo, di cui uno proveniente dal Dipartimento proponente, o di altro ateneo italiano o straniero.
Dalla data di pubblicazione sul sito dell'Università del decreto di nomina della commissione decorre il termine di trenta giorni per l'eventuale ricusazione dei commissari da parte dei candidati.

Art. 7
Lavori della commissione

La commissione individua al suo interno un presidente e un segretario.
La commissione svolge i lavori alla presenza di tutti i componenti e assume le proprie deliberazioni a maggioranza assoluta dei suoi componenti.
La commissione si avvale di strumenti telematici di lavoro collegiale.
La commissione valuta le pubblicazioni e i titoli dei candidati, attinenti alla ricerca proposta, evidenziandone l’elevata qualificazione scientifica e professionale e dovrà redigere per ogni riunione apposito verbale, firmato in ogni pagina da tutti i componenti, che dovrà contenere indicazioni precise di tutti gli atti compiuti, delle discussioni avvenute e delle conclusioni cui la commissione è pervenuta durante il corso dell’adunanza ed una relazione di merito da sottoporre all’approvazione del Senato Accademico.
I lavori della commissione devono concludersi entro tre mesi dalla data di formale acquisizione della documentazione.

Art. 8
Attribuzione compiti didattici

Il Consiglio di Dipartimento di Ingegneria Industriale provvede alla definizione di attività didattiche da assegnare ai titolari degli incarichi.

Art. 9
Trattamento giuridico ed economico

Per il periodo di durata del rapporto è riconosciuto il trattamento giuridico dei professori ordinari e il trattamento economico pari a quello del professore ordinario di ruolo alla classe iniziale stipendiale con regime di impegno prescelto dall’interessato (a tempo pieno ovvero a tempo definito).
Qualora il titolare dell’incarico svolga attività assistenziale, la stessa verrà espletata nel rispetto degli accordi esistenti tra l’ente assistenziale e l’Ateneo.

Art. 10
Disposizioni finali

Tutti i dati e le informazioni acquisiti dal professore straordinario a tempo determinato durante lo svolgimento dell’attività oggetto della convenzione devono essere considerati riservati. E’ fatto divieto della loro divulgazione, tranne che in ambito scientifico e in ogni caso previa esplicita autorizzazione dell’Ateneo.

Art. 11
Trattamento dei dati personali

Ai sensi dell’art. 13 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e s.m.i, i dati personali forniti dai candidati saranno raccolti presso l’Università degli studi di Roma “Tor Vergata”, per le finalità di gestione della presente procedura e successivamente all’eventuale instaurazione del rapporto di lavoro per le finalità inerenti la gestione del rapporto medesimo.
Il conferimento di tali dati è obbligatorio pena l’esclusione dalla procedura.

Art. 12
Responsabile del procedimento


Ai sensi degli artt. 4, 5 e 6 della legge 7 agosto 1990, n. 241, il responsabile del procedimento di cui al presente bando è: Matilde Nardi – responsabile Settore Concorsi – tel. 06/72593619 – fax 06/72592611 – e-mail nardi@amm.uniroma2.it

 

Art. 14
Rinvio di norme

Per tutto quanto non espressamente previsto dal presente bando, vale la normativa vigente in materia, in quanto applicabile.

Il presente decreto sarà acquisito alla raccolta nell'apposito registro di questa Amministrazione.

 

IL RETTORE
(Prof. Giuseppe Novelli)


>>>> Schema domanda e allegati